Bergamo Jazz 2022: dal 17 al 20 marzo

Il programma giornaliero della quarantatreesima edizione del festival, con la direzione artistica di Maria Pia De Vito.

4473

«L’appassionante traiettoria dei linguaggi che Bergamo Jazz dipana da sempre, continua i suoi percorsi e, con inarrestabile propulsione, propone ogni anno nuove sorprese. Le Americhe, l’Europa, l’Asia oggi si incontrano in modo sempre più liquido, con un sincretismo che non finisce di stupire ed interessare fasce diversificate di ascoltatori. Standards e new standards, elettronica, musica contemporanea, Afroamerica e Sardegna, Nordeuropa e melodia, poliritmie indiane, Brasile, improvvisazione radicale ed echi di danze. L’improvvisazione è il dialektos, o l’esperanto, della musica che ascolteremo»: con queste parole Maria Pia De Vito, Direttrice Artistica di Bergamo Jazz, riassume le linee guida che l’hanno ispirata nel disegnare un cartellone ricco, sfaccettato, fitto di nomi di rilievo del jazz internazionale e di giovani talenti.
Bergamo Jazz ritrova con la sua 43sima edizione, in programma dal 17 al 20 marzo, la sua collocazione naturale in luoghi simbolo della città, spargendo ovunque i suoni di una musica in costante movimento. Una musica che ha sempre portato con sé messaggi di dialogo tra popoli e culture diverse. Messaggi oggi più che mai necessari, in tempi segnati da tragedie che si sperava non potessero più accadere: se la musica non può cambiare il mondo, può sicuramente migliorarlo.
Questo il programma di Bergamo Jazz 2022 giorno per giorno.

Tania Giannouli

Giovedì 17 marzo
Bergamo Jazz riparte da Città Alta, dove giovedì 17 marzo sono previsti tre eventi ospitati in altrettante location. New entry d quest’anno, il Teatro Sant’Andrea, un gioiellino posto sotto l’omonima Chiesa di via Porta Dipinta, farà da cornice (ore18.00) alle prime note del Festival, offerte dalla pianista greca Tania Giannouli, tra i più interessanti nuovi talenti del sempre vivace panorama musicale del Vecchio Continente, nel cui mondo sonoro il linguaggio della musica improvvisata si incontra con il minimalismo e l’humus folklorico mediterraneo. Un’ora dopo, al Circolino di Vicolo Sant’Agata, altra nuova location del Festival, avrà luogo il primo appuntamento con la sezione “Scintille di Jazz”, piccolo festival nel grande festival rivolto ad artisti emergenti, curato da Tino Tracanna e sostenuto da Intesa Sanpaolo quale Special Partner: di scena, per un doppio set (ore 19.00 e ore 20.30) nel solco della musica di Charles Mingus, il duo orobico chitarra-sax formato da Marco Pasinetti e dal veterano Guido Bombardieri.

Vijay Iyer

Alle 21 al Teatro Sociale doppio concerto con il trio (con Matt Brewer al contrabbasso e Jeremy Dutton alla batteria) dell’acclamato pianista statunitense Vijay Iyer, figura preminente dello scenario jazzistico contemporaneo, e con il quartetto del batterista Roberto Gatto. Per il musicista romano, sarà il debutto nelle vesti di leader al Festival, occasione per farsi ascoltare insieme a tre giovani talenti di valore quali il trombettista Alessandro Presti, il pianista Alessandro Lanzoni e il contrabbassista Matteo Bortone.

Jakob Bro

Venerdì 18 marzo
È l’Auditorium di Piazza della Libertà, una delle sedi ormai abituali del Festival, ad ospitare il primo concerto della giornata che, alle 17.00, avrà come protagonista il raffinatissimo trio del chitarrista danese Jakob Bro, del trombettista norvegese Arve Henriksen e del batterista spagnolo Jorge Rossy. Trio che lo scorso anno ha pubblicato per ECM l’album Uma Elmo.

Fred Hersch
Foto di Martin Zeman

Alle 21.00, per la prima delle tre serate in abbonamento, salirà su palcoscenico del Teatro Donizetti un altro dei pianisti più in auge del momento: Fred Hersch, coadiuvato per l’occasione dal contrabbassista Drew Gress e dal batterista Joey Baron, nonché da uno special guest di assoluto riguardo come Enrico Rava. A seguire un inedito quartetto tutto a stelle e strisce capitanato dal batterista Jeff Ballard e comprendente il sassofonista Logan Richardson, il chitarrista Charles Altura e il bassista Joe Sanders. Formazione che promette una musica aperta, una sorta di “fiera” dei suoni.
Due i momenti della giornata dedicati a “Scintille di Jazz”: alle ore 19.00, allo Spazio Polaresco, con il trombettista friulano Mirko Cisilino e il suo interessante quintetto “Effetto Carsico”; alle 22.30, al Dieci 10, con il trio del contrabbassista bergamasco Marco Rottoli, allargato al navigato sassofonista veneto Michele Polga.

Brad Mehldau – foto di Roberto De Biasio

Sabato 19 marzo
È Brad Mehldau l’indiscussa, attesissima star della terza giornata di Bergamo Jazz 2022: il pianista originario della Florida si esibirà in totale solitudine rappresentando l’unico evento concertistico della serata al Teatro Donizetti (ore 21.00), come da suo desiderio per poter regalare al pubblico del Festival una lunga performance, dopo l’annullamento del suo concerto in trio del 2020 a causa del primo lockdown.

Ava Mendoza

La programmazione della giornata avrà inizio alle ore 11.00 all’Accademia Carrara, prestigiosa cornice scelta per il concerto della chitarrista americana Ava Mendoza, artefice di una musica che mescola sonorità avant-garde, prese anche dal mondo del rock più sperimentale. Alle 17.00, all’Auditorium di Piazza della Libertà, sarà il turno di una compagine europea di recentissima costituzione, diretta dal violinista francese Régis Huby e forte del contrabbassista connazionale Claude Tchamitchian, del trombettista inglese Tom Arthurs, del chitarrista scandinavo Eivind Aaarset e del batterista italiano Michele Rabbia.
Per “Scintille di Jazz”, alle 19.00, Daste darà voce al clarinettista milanese Federico Calcagno, realtà ormai affermata del nuovo jazz made in Italy, e ai suoi “The Dolphians”, in omaggio al grande polistrumentista Eric Dolphy, mentre alle 22.30 il Dieci 10 accoglierà sul suo palcoscenico il trio del sassofonista, anch’egli originario del capoluogo lombardo, Nicolò Ricci.

Rob Mazurek e Gabriele Mitelli

Domenica 20 marzo
La quarta e ultima giornata di Bergamo Jazz 2022 avrà come apertura, alla Sala di Porta Sant’Agostino (ore 11.00), l’avventuroso, alchemico duo formato dal trombettista americano Rob Mazurek, uomo di punta delle avanguardie jazzistiche d’oltreoceano, e dall’italiano Gabriele Mitelli, che con il collega condivide anche la passione per sonorità digitali.
Nel pomeriggio, alla Sala Piatti, (ore 15.00), ci si potrà immergere nella musica brasiliana con un omaggio ad Antonio Carlos Jobim reso dal Trio Correnteza, ovvero il clarinettista Gabriele Mirabassi, autentico virtuoso del suo strumento, il chitarrista Roberto Taufic e la cantante Cristina Renzetti.
L’improvvisazione più fantasiosa e immaginifica sarà quindi al centro dell’esibizione, al Teatro Sociale (ore 17.00), di Giornale di Bordo, formidabile superquartetto a mezza via tra jazz e world music che allinea i sardi Gavino Murgia (sassofoni), Antonello Salis (pianoforte, fisarmonica) e Paolo Angeli (chitarra sarda preparata) insieme al chicagoano Hamid Drake alla batteria.

Michael Mayo (foto Shervin Lainez)

Finale di giornata e di Festival al Teatro Donizetti (ore 21.00) con in prima serata il quartetto del giovane talento del jazz vocale Michael Mayo, già indicato da più parti come il nuovo Bobby McFerrin per via della sua inclinazione a mescolare jazz, soul e altro ancora. Nella seconda parte andrà in scena lo spettacolare progetto in salsa cubana “Viento y Tiempo” del pianista Gonzalo Rubalcaba e della cantante Aymée Nuviola che assicurano, grazie all’effervescente supporto di una band di sei elementi, un viaggio appassionante tra i suoni, i ritmi e i colori di una delle isole più musicali al mondo.

Around Bergamo Jazz: mostra fotografica e Incontri con le scuole
Bergamo Jazz è da tempo non solo concerti, ma anche iniziative dedicate ad altre arti e incontri didattici.
Nel solco dell’incontro fra arte della visione e arte del suono sarà la mostra Closed Session del noto fotografo statunitense Jimmy Katz, allestita all’Ex Chiesa della Maddalena: inaugurazione mercoledì 16 marzo alle ore 18.00.  La mostra sarà poi visitabile nei giorni 17-20 marzo, 28 e 29 marzo, 26 e 27 marzo, 2 e 3 aprile, sempre dalle ore 15.00 alle ore 19.00.
Per la didattica, anche nel 2022 Bergamo Jazz, come consolidata tradizione, prevede all’Auditorium di Piazza della Libertà o su apposita piattaforma Zoom (con doppio turno alle ore 9.00 e alle ore 11.30) gli incontri con le scuole a cura di CDpM Europe, rivolti agli allievi delle scuole primarie e secondarie. Ai primi sarà specificatamente dedicato l’incontro di mercoledì 16, ispirato al celebre libro di Rudyard Kipling Il Libro della giungla, con la voce narrante dell’attore Oreste Castagna. Le composizioni originali, scritte da Caterina Comeglio, saranno eseguite, oltre che dalla stessa autrice e cantante, da Gabriele Comeglio (clarinetto), Sara Collodel (banjo), Claudio Angeleri (pianoforte), Marco Esposito (basso elettrico) e da Matteo Milesi (batteria).
I successivi incontri, in programma da giovedì 17 a sabato 19, avranno come filo conduttore la figura e la musica di Gianluigi Trovesi, eccellenza del jazz non solo bergamasco. L’opera del polistrumentista di Nembro sarà al centro di una attenta disamina, anche grazie all’esecuzioni di musiche che ne testimoniano l’originale percorso creativo. A interpretarle, con lo stesso Trovesi in campo, saranno Claudio Angeleri (pianoforte), Nicholas Lecchi e Enrico Bono (sax e flauto), Alessia Marcassoli (voce), Pietro Berti (chitarra), Marco Esposito e Chiara Arnoldi (basso), Lorenzo Beltrami e Matteo Milesi (batteria e percussioni). Sono previsti anche interventi del musicologo Maurizio Franco.

 Itinerario dell’acqua
“Itinerario dell’acqua” è una nuova iniziativa di Bergamo Jazz, realizzata in collaborazione con UniAcque, società che si occupa del servizio idrico della Provincia di Bergamo e importante partner della Fondazione Teatro Donizetti. In occasione dei concerti di sabato 19 all’Accademia Carrara e di domenica 20 alla Sala Porta Sant’Agostino, si potrà partecipare a un vero e proprio itinerario dell’acqua che si sviluppa in Città Alta su un tratto di strade e viuzze di circa 3 km. Partenza alle ore 8.45 da Colle Aperto e arrivo al Serbatoio di Sant’Agostino. 12 le tappe identificative del giro all’interno delle Mura: cisterne, fontane, lo storico lavatoio di via Mario Lupo.

 Evento Speciale / International Jazz Day
Si terrà sabato 30 aprile (ore 15.00), in concomitanza con l’International Jazz Day patrocinato dall’UNESCO, un Evento Speciale alla Sorgente Nossana di Ponte Nossa, una delle sorgenti di UniAcque. Nell’occasione, il pubblico, raccolto nel prato sovrastante la sorgente, potrà ascoltare il trio di clarinetti NRG Bridges, formato da Gianluigi Trovesi, il più internazionale dei jazzisti orobici, originario proprio della Val Seriana, e dai più giovani colleghi di strumento Andrea e Adalberto Ferrari.
Prima del concerto di NRG Bridges sarà possibile partecipare a visite guidate alla Sorgente Nossana accompagnati da personale di UniAcque, a gruppi di massimo 15 persone con partenza ogni 15 minuti dalle ore 13.30 alle ore 14.15.
In caso di maltempo il concerto si terrà presso il Santuario della Chesa della Madonna delle Lacrime.

App Bergamo Jazz
In collaborazione con Mango Mobile Agency, Bergamo Jazz ha realizzato una App gratuita, utilizzabile sia con sistema Android che con Iphone. La App consente di accedere al programma del Festival e alle schede dei singoli eventi. Si possono anche avere informazioni di biglietteria ed è disponibile una mappa delle location. Inoltre, agli utenti vengono inviate notifiche con aggiornamenti in tempo reale e gli alert relativi ai concerti inseriti nei Preferiti. La App è anche dotata di una sezione denominata Campaign, grazie alla quale gli abbonati ricevono notifiche sullo stato del proprio abbonamento.
Fondazione Teatro Donizetti e Bergamo Jazz Festival ringraziano per il sostegno: Regione Lombardia, Allianz (Main Partner), Camera di Commercio, Intesa Sanpaolo, UniAcque, A2A Ambiente, Studio Avvocato Vincenzo Coppola, ATB
Communication partner: NT Next Evolving Communication
Partner: Accademia Carrara, Lab80, Fondazione MIA, CDpM Europe, CUT Bergamo, Nutopia, Dieci 10, Cooperativa Città Alta, DOC Servizi
teatrodonizetti.it