Bergamo Jazz Festival: 19 agosto con Enrico Rava Special Edition

Serata in ricordo di Mario Guidi e Vittorio Scotti. Opening act con Francesco Chiapperini Insight.

9549
Enrico Rava (foto Andrea Boccalini)

Mercoledì 19 agosto (ore 21), Lazzaretto On Stage, rassegna promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Bergamo con lo scopo di rilanciare in città le attività in spettacolo dopo i mesi di sosta forzata a causa dell’emergenza Covid 19, propone il secondo dei due concerti sotto l’insegna di Fondazione Teatro Donizetti e Bergamo Jazz Festival. Dopo la serata che ha avuto come protagonisti i gruppi della bassista Rosa Brunello e del trombonista Gianluca Petrella, è ora la volta del più internazionale dei jazzisti italiani: Enrico Rava. Il celebre trombettista è stato invitato da Maria Pia De Vito, attuale responsabile della programmazione del prestigioso Festival, ad esibirsi alla guida della Special Edition, formazione varata da Enrico Rava lo scorso anno per celebrare i suoi 80 anni. Del gruppo fanno parte alcuni dei musicisti che negli ultimi anni gli sono stati artisticamente più vicini: Francesco Bearzatti al sax tenore, Francesco Diodati alla chitarra, Giovanni Guidi al pianoforte, Gabriele Evangelista al contrabbasso ed Enrico Morello alla batteria. Opening Act il trio InSight del clarinettista Francesco Chiapperini (con Simone Quatrana al pianoforte e piano elettrico e Simone Lobina alla chitarra), uno dei gruppi che in marzo avrebbero dovuto partecipare alla sezione del Festival “Scintille di Jazz” curata da Tino Tracanna.
La serata sarà dedicata a Mario Guidi, collaboratore di Bergamo Jazz scomparso nel dicembre 2019, e a Vittorio Scotti, Presidente del Jazz Club Bergamo mancato nei giorni scorsi.
Nato a Trieste il 20 agosto del 1939, cresciuto a Torino, Enrico Rava ha attraversato con la sua tromba le fasi principali del jazz degli ultimi 50 anni: dapprima distintosi sulla scena italiana e poi, in seguito al trasferimento a New York nel 1967, in quella mondiale, Rava ha suonato nel corso della sua lunga carriera accanto a illustri colleghi come Gato Barbieri, Steve Lacy, Roswell Rudd, Carla Bley, John Abercrombie, Cecil Taylor, Lee Konitz, Richard Galliano, Pat Metheny, John Scofield, Dave Douglas, Geri Allen, Miroslav Vitous, Philip Caterine, Tomasz Stanko, Michel Petrucciani, Joe Lovano e molti altri. Numerosissime le incisioni effettuate nelle vesti di leader per rinomate etichette discografiche, prima fra tutte la tedesca ECM, alla quale è tutto legato. Un ruolo determinante Rava lo ha anche svolto nello scoprire e valorizzare giovani talenti, da Stefano Bollani agli stessi componenti della Special Edition. Dal 2012 al 2015, è stato Direttore Artistico di Bergamo Jazz: l’ultimo suo concerto in città risale al 2018, quando condivise il palcoscenico del Creberg Teatro con Paolo Fresu, Dave Douglas e Uri Caine.
Nato a Bari nel 1978 e residente a Milano, ma con legami familiari nella bergamasca, Francesco Chiapperini si è diplomato in clarinetto presso l’Istituto Civico Gaetano Donizetti: dopo una breve esperienza all’interno dell’orchestra “I Pomeriggi Musicali di Milano” e diverse collaborazioni con formazioni fiatistiche, ha intrapreso lo studio del sassofono contralto con Daniele Cavallanti. Attraverso quest’ultimo è diventato primo sassofonista del workshop Creative Jazz Orchestra ed è poi entrato nei Nexus, storico gruppo dell’avant jazz tricolore. Considerato uno dei più interessanti esponenti delle ultime generazioni di jazzisti italiani, ha all’attivo diversi progetti come leader. Al suo trio con Simone Quatrana e Simone Lobina ha dato il nome di Insight, letteralmente “visione interna”, per descrivere il concetto di intuizione nella forma immediata e improvvisa. L’idea di base è occupare lo spazio solitamente appannaggio della tradizionale sezione ritmica con basso e batteria per riconfigurare i ruoli dei musicisti. Il risultato sono linee melodiche e sezioni percussive incalzanti, scritte e improvvisate, che lasciano ai tre strumentisti la libertà di sovrapporsi in un continuum sonoro.
Lazzaretto on stage è il progetto promosso e organizzato dal 4 luglio al 24 agosto 2020 dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Bergamo. Per la prima volta, grazie alla massima collaborazione di tutte le realtà coinvolte, un vero e proprio festival di musica, danza e teatro anima la città attraverso più di 20 appuntamenti in un’unica manifestazione, per una stagione estiva all’insegna dello spettacolo in uno dei luoghi più simbolici della città: il Lazzaretto, trasformato in un teatro a cielo aperto, in grado di ospitare fino a 300 persone, rispettando tutte le normative di sicurezza anti Covid-19. Una rassegna che fa della straordinarietà un suo tratto distintivo per la capacità, di Bergamo e dell’Amministrazione comunale, di fare rete sul territorio per promuovere il proprio patrimonio culturale dopo un periodo difficile. Bergamo, una tra le prime Città in Italia, riparte dalla cultura con Lazzaretto on stage, una linea d’azione della programmazione estiva Bergamo Torniamo in scena. Estate duemila[e]venti. Fondazione Comunità Bergamasca è partner dell’iniziativa.
Biglietteria
Biglietti in vendita esclusivamente on line su www.vivaticket.it
Costo biglietto 7 euro (più diritti prevendita).
È possibile acquistare i biglietti fino 5 minuti prima dell’orario di inizio dello spettacolo.
Info: www.comune.bergamo.it e pagine Instagram @lazzaretto_on_stage e Facebook @LazzarettoOnStage