Stefano Maltese & Antonio Moncada «Monade 1-4»

235

AUTORE

Stefano Maltese & Antonio Moncada

TITOLO DEL DISCO

«Monade 1-4»

ETICHETTA

Labirinti Sonori

 


 

Quattro dischetti separati, copertine spartane con colori tutti diversi (rosso, giallo, blu, verde), quattro ore abbondanti di musica, due luoghi e tre sedute diverse (comunque in un arco temporale circoscritto: meno di due mesi): questa la succinta descrizione del materiale che i due musicisti siracusani (in realtà Maltese nato a Palermo e Moncada a Lentini), coetanei (1955) e sodali praticamente da sempre, hanno raccolto sotto il titolo di Monadi, dando una volta per tutte corpo e voce alla loro fratellanza artistica. E’ evidente che descrivere nel dettaglio quanto trovate in quest’opera monumentale sarebbe del tutto improbabile.

Diciamo solo che il dialogo fra i due musicisti è sempre calibrato, studiato, empatico anche, è evidente, e pur attraversando i sentieri spesso scivolosi dell’improvvisazione senza rete possiede un senso della forma, della struttura, assoluto, ciò di cui la lunga consuetudine reciproca costituisce ovviamente l’irrinunciabile tessuto connettivo. C’è poi il disegno interno a ogni cd (la sua autonomia, di fatto) a illuminare ulteriormente il lavoro dei due. Maltese, per dirne una, tende a non replicare lo stesso strumento in dischetti diversi, fatta eccezione per flauto, sax tenore e clarinetto basso, con un cd, il terzo, interamente pianistico (salvo episodici frammenti alle percussioni). Moncada, da parte sua, sfoggia ovunque la discrezione che lo caratterizza, da colorista (situazionista?) dell’elemento percussivo quale è. Andare oltre non ci pare conveniente, quasi a profanare qualcosa di intimo e profondo che dev’essere invece l’ascolto diretto di queste piccole/grandi gemme a svelare in ogni suo interstizio.

Bazzurro


 

DISTRIBUTORE

labirintisonori.com

FORMAZIONE

Stefano Maltese (cl., cl. b., sop., alto, ten., saxello, C-melody, fl., fl. alto, p., perc.), Antonio Moncada (batt., perc.).

 

DATA REGISTRAZIONE

Siracusa e Scordia, 27-1, 17-2 e 23-3-16.