Space Opera di Catherynne M. Valente

6817

AUTORE

Catherynne M. Valente

TITOLO DEL LIBRO

«Space Opera»

EDIZIONI

21lettere


Qui aleggia David Bowie, anche se non c’è: o almeno, non se ne fa menzione. E’ un romanzo di quelli post: post fantascienza, post Space Oddity, post Guida galattica per autostoppisti di Douglas Adams, post Isaac Asimov, post Blade Runner, post punk. Insomma, la scrittrice americana sa il fatto suo e sa dipingere degli scenari letterari con una verbosità al fulmicotone, ricca di tutto. Bisogna seguire con attenzione la trama e l’intersecarsi dei personaggi. La competizione canora: a cavallo tra il festival di Sanremo e l’Eurovision Song Contest, che qui acquista una dimensione ultra-galattica è il perno di questo bel lavoro, carico di ironia, di comicità improvvisata, di un flusso sardonico che arriva e coinvolge il lettore. La fantasia “spaziale” della Valente è realmente senza confini e la singolare bellezza di questo libro è racchiusa nel sapere amalgamare i profili musicali con quelli letterari utilizzando come collante il frasario fantascientifico. Una serie di bordate, a occhi e orecchie attente, nei confronti delle competizioni canore (musicali, in generale) che sfornano vincitori e vinti da dare in pasto a un pubblico tanto vasto, quanto beota. Basti pensare che i Decibel Jones and The Absolute Zeros, gruppo glam rock oramai sciolto da anni, sforna i due imbolsiti finalisti della competizione canora. Il lettore incontrerà tanti soggetti-personaggi, tanta musica, anche il blues al quale è dedicato un capitolo (il ventisettesimo: Blues inconsistente), strumenti musicali, pianeti e quant’altro, che potranno essere presi così, con la sfrontatezza della lettura subitanea, oppure come metafore di qualcosa che circonda da decenni il mondo della musica.
Unico neo: la mancanza di un indice dei capitoli. Per il resto un’altra grande prova di coraggio e di maturità di una casa editrice che guarda lontano.
Alceste Ayroldi

PAGINE E PREZZO

Pagine 375; euro 18,00

LUOGO E DATA DI STAMPA

San Giovanni Persiceto, 2020