Tom Cohen «My Take»

13804

AUTORE

Tom Cohen

TITOLO DEL DISCO

«My Take»

ETICHETTA

Versa Records


Brillante reunion tra musicisti del giro di Filadelfia. A propiziarla è il batterista Tom Cohen, vulcanico protagonista della scena jazzistica della metropoli della Pennsylvania. Eclettico e curioso, il batterista ha – tra le altre cose – un debole per il groove e per gli organ trios anni Sessanta. Quindi nel suo nuovo disco schiera dietro la tastiera vintage dell’Hammond B 3 due specialisti di prim’ordine: Dave Posmonstier, suo concittadino e compagno di scorribande, e quel Joey DeFrancesco che oggi viene considerato il top dello strumento. E proprio all’enorme (in tutti i sensi…) organista – già sodale di John McLaughlin nel trio Free Spirits – viene affidato il pimpante incipit dell’album, la celeberrima Minority di Gigi Gryce. Uno standard nel quale il «paisà» DeFrancesco si scatena, sostenuto dal pirotecnico drumming del leader, per poi dialogare con il sax tenore del veterano Warfield (pure lui in grande spolvero). Medesimo copione e stesso organico, anche se clima si fa decisamente più rilassato, in un altro evergreen, Without A Song; mentre nell’enigmatica Lost di Wayne Shorter al sassofono spunta Ralph Bowen. C’è spazio per la chitarra di un altro musicista italo-americano, Steve Giordano, swingante con leggerezza nella ripresa della golsoniana Along Came Betty. Certo, niente di nuovo sotto il sole. E tuttavia il Philly Sound in chiave jazz dello «zio Tom» diverte e regala buone vibrazioni. Di questi tempi va bene così.
Franchi

Pubblicata sul numero di ottobre 2021 di Musica Jazz


DISTRIBUTORE

tomcohen.bandcamp.com

FORMAZIONE

Tom Cohen (batt.), con Tim Warfield, Ralph Bowen (ten.), Steve Giordano (chit), Joey DeFrancesco, Dave Posmonstier (org.).

DATA REGISTRAZIONE

Filadelfia, 2020.