Terry Riley «Autodreamographical Tales»

14393

AUTORE

Terry Riley

TITOLO DEL DISCO

«Autodreamographical Tales»

ETICHETTA

Cantaloupe Music


Il progetto che vede luce in questo album nasce da una commissione che Riley aveva ricevuto nel 1996 dalla New American Radio ed è stato concepito come un’opera radiofonica, nella quale si succedono una serie di vividi quadri narrativi: la voce narrante è dello stesso Riley. Tali quadri, in realtà, non sono pensati per l’occasione, ma vengono raccolti dalla inveterata abitudine del compositore di raccogliere in un diario i propri sogni, da cui anche l’arguto titolo. In realtà, l’opera aveva già trovato pubblicazione nel 2010, su un disco Tzadik dallo stesso titolo (registrazioni del 2006) e una sua prima rappresentazione aveva avuto luogo, in qualche modo, nel Festival leccese Sound Res, nel 2007. In ogni caso la presente edizione è di certo la più organica e godibile, anche grazie alla presenza, che si rivela decisiva, della Bang On A Can All-Stars. Le storie che Riley attinge direttamente dalla fucina del proprio inconscio – e che si rivelano esattamente come le immaginereste: affastellate, caotiche, gioiose e confidenziali – si vestono così dei molteplici colori musicali che l’ensemble è in grado di fornire, comprensivi di un’amplissima gamma di caleidoscopiche possibilità, dal jazz alla classica, passando per il pop e il blues -; ma attenzione: non si tratta soltanto di superficiale «folklore», poiché il messaggio, in realtà, è molto più sottile, attingendo comunque la sfera del linguaggio e delle sue strutturazioni. La musica, ad ogni modo, non è affatto un orpello, anzi, è parte strutturale del tutto e a volte si rivela davvero irresistibile. Ve lo raccomandiamo come ascolto rinfrescante e vivificante in questa estate così torrida.
Cerini

Pubblicata sul numero di luglio 2022 di Musica Jazz


DISTRIBUTORE

terryriley.bandcamp.com

FORMAZIONE

Terry Riley (voc., p., tast.) più Bang On A Can All-Stars: Ken Thomson (cl., cl. b.), Vicky Chow (p., tast.), Ashley Bathgate (cello), Mark Stewart (chit. el.), Robert Black (cb.), David Cossin (batt., perc.).

DATA REGISTRAZIONE

Loc e date scon.