SONIC LIBERATION FRONT / OLIVER LAKE «Justice»

14462

AUTORE

Sonic Liberation Front / Oliver Lake

TITOLO DEL DISCO

«Justice»

ETICHETTA

High Two


Arrivato a una venerabile età (che lo scorso settembre ha toccato gli ottant’anni) Oliver Lake si è reso conto negli ultimi tempi di non avere più il pieno controllo del sassofono. Anche a seguito di questa limitazione, però, la sua tempra di ricercatore incallito non è venuta meno e il risultato lo si trova in «Justice», dove per la prima volta il veterano artista si cimenta estesamente, da compositore, con la voce umana. Del progetto ha affidato la messa in opera al Sonic Liberation Front, il gruppo capitanato da Kevin Diehl con il quale Lake aveva già collaborato per il disco «Bombogenic»; ma a questo gruppo si è aggiunto un quartetto vocale anch’esso di Filadelfia, chiamato a lavorare solamente in sezione. Disponendo di una formazione come SLF, capace di amalgamare molteplici linguaggi, Lake deve avere percepito che non aveva senso rivolgere le partiture di canto verso una sola direzione, e che comunque l’occasione poteva essere una bella botta di grande creatività e divertimento. Nel groovy pezzo d’apertura, centrato su basso e batteria, il quartetto vocale si muove come una sezione di fiati jazz. Invece, con il pezzo successivo, nel quale Oliver Lake recita una propria poesia sull’importanza dell’amore (un’altra sua poesia chiuderà poi l’album), il sottofondo vocale rimanda piuttosto al morbido tessuto di un quartetto d’archi. Nel brano che dà il titolo al disco, davanti al trafficato lavoro ancora una volta di basso e batteria, l’impasto voci-fiati ottiene un sound quasi ellingtoniano, mentre in Dedicated si sfiora il pop. La sezione delle voci, pensata e arrangiata magnificamente da Lake, rispecchia di volta in volta l’identità di ciascun brano. Il SLF fa il resto con piglio e convinzione. Si è già detto che il tandem Diehl-Engle è la colonna portante del gruppo, ma si apprezzano molto anche la stralunata Jurkiewicz, la volatile Gordon e la sfrenata libertà di Levin.
Piacentino

pubblicata sul numero di dicembre 2022 di Musica Jazz


DISTRIBUTORE

hightwo.com

FORMAZIONE

Oliver Lake (comp., arr., voc.), Jameka Gordon (fl.), Elliot Levin (ten.), Veronika Jurkiewicz (viol.), Matt Engle (cb.), Kevin Diehl (batt., perc.), Sonic Liberation Singers: Shanon Chua, Chaela Harris, Ravi Seenarine, Michael Ford (voc.).

DATA REGISTRAZIONE

Loc. scon., prob. luglio 2020.