Omar Sosa «An East African Journey»

13346

AUTORE

Omar Sosa

TITOLO DEL DISCO

«An East African Journey»

ETICHETTA

Ota Records


Pochi e semplici tocchi di pianoforte. Una dolce melodia che si fa strada lentamente e che poi viene sostenuta dall’incedere incalzante della valiha – una sorta di cetra tipica del Madagascar – suonata da Rajery, uno dei massimi specialisti dello strumento. Comincia così il nuovo, ammaliante lavoro di Omar Sosa. Bulimico di musiche e fin troppo prolifico nella produzione discografica (con esiti non sempre all’altezza delle intenzioni), questa volta il pianista e compositore colpisce nel segno. «An East African Journey» è tra i suoi più progetti stimolanti. Un viaggio fisico e spirituale nell’Africa dell’Est, come recita il titolo. Un pellegrinaggio che è durato una decina d’anni e ha attraversato sette Paesi, seguendo un itinerario di migliaia e migliaia di chilometri. Ma anche un cammino interiore per confrontarsi con le radici della propria musica e con gli antenati, dato che Sosa è originario di Camagüey, la città a est di Cuba dove le influenze Afro sono preponderanti. Dal 2009 – cioè da quando ha fatto rotta nel continente nero per una tournée con l’Afreecanos Trio – e per un decennio, Omar si è trasformato in una specie di novello Alan Lomax in salsa africana, registrando in Etiopia Seleshe Damessae e il suo krar, nell’isola di Mauritius la ravanne di Menwar, in Burundi la voce di Steven Sogo e così via. E il tutto è raccontato in Souvenirs d’Afrique, documentario di una cinquantina di minuti. Quindi il materiale è finito in studio a Parigi: e qui Sosa, con la complicità dell’amico produttore e multistrumentista Steve Argüelles, ha rimaneggiato, editato e arrangiato le registrazioni sul campo suonandoci sopra con i suoi musicisti. Il risultato è una fusione a freddo assai riuscita, perché suadente e delicata, tra world music e improvvisazione, jazz trio e strumenti della tradizione. Fleurette Africaine, avrebbe chiosato Duke Ellington.
Franchi

Pubblicata sul numero di giugno 2021 di Musica Jazz


DISTRIBUTORE

IRD

FORMAZIONE

Omar Sosa (p., kalimba, perc., voc.), Rajery (valiha), Olith Ratego (nyatiti, voc.), Dafaalla Elhag Ali (tambur), Monja Mahafay (marovany, lokanga, voc.), Seleshe Damessae (krar, voc.), Steven Sogo (umuduri, voc.), Abel Ntalasha (kalumbu, voc.), Menwar (ravanne), Christophe «Disco» Minck (cb., sint., moog), Steve Argüelles (batt., perc.), Mola Sylla, Childo Tomas, Patrick Destandeau (voc.).

DATA REGISTRAZIONE

Parigi, 2020