NOAH HAIDU «Standards»

14839

AUTORE

Noah Haidu

TITOLO DEL DISCO

«Standards»

ETICHETTA

Sunnyside


Ritorno al primo amore per Noah Haidu. Nel 2021 il pianista americano si era fatto apprezzare grazie a «Slowly: Song for Keith Jarrett», omaggio al geniale collega di strumento colpito da un doppio ictus. Un tributo raffinato ed emozionante di cui avevamo riferito a suo tempo. Questo «Standards», nuovo progetto del musicista di Charlottesville – ma da tempo attivo sulla scena di New York – si può considerare il seguito ideale di quel lavoro. E anche qui la memoria ha un ruolo-chiave: ricorre infatti il quarantesimo anniversario di «Standards Vol. 1», seminale esordio su ECM del trio di Jarrett completato dal compianto Gary Peacock e da Jack DeJohnette. Insieme i tre hanno registrato nel corso dei decenni ventun lavori in studio e dal vivo, che sono diventati un fondamentale punto di riferimento per la rilettura del grande songbook statunitense. Da qui l’idea di riprendere una selezione di quei famosi evergreens. Ci sono ballad struggenti quali All the Way (cavallo di battaglia di Frank Sinatra e qui reinterpretata con estrema sensibilità e delicatezza) e Someday My Prince Will Come (dove il contrabbasso di Peter Washington è un sostegno caloroso e sicuro all’assolo del leader, mentre la batteria di Lewis Nash si muove con leggerezza) ed episodi per piano solo (Skylark). E ci sono pure brani più vivaci, su tempi medi e veloci (Just in Time) in cui il leader – un modernista allievo di Kenny Barron – dispiega tutto il suo swing piacevolmente distaccato. A differenza dell’album uscito due anni fa, qui ogni tanto il trio si allarga a quartetto con l’aggiunta del sax contralto dell’ottimo Steve Wilson e l’atmosfera cambia radicalmente (in Ana Maria di Wayne Shorter, per esempio). Ma il livello del lavoro resta comunque eccellente.
Franchi

pubblicata sul numero di luglio 2023 di Musica Jazz


DISTRIBUTORE

sunnysiderecords.com

FORMAZIONE

Steve Wilson (alto), Noah Haidu (p.), Buster Williams, Peter Washington (cb.), Lewis Nash (batt.).

DATA REGISTRAZIONE

New York, 10 e 13-3-2023.