Nicholas Payton «Smoke Sessions»

13881

AUTORE

Nicholas Payton

TITOLO DEL DISCO

«Smoke Sessions»

ETICHETTA

Smoke Sessions


Da qualche tempo il trombettista di New Orleans si presenta sul palco suonando contemporaneamente la tromba, il piano e il Fender Rhodes. È quello che accade anche in questo lavoro, registrato solo pochi mesi fa in uno degli studi meglio attrezzati di New York, il Sear Sound. Credo sia la sua un’esigenza espressiva legata più che altro all’urgenza di voler spiegare, in musica, tutta la storia della sua gente. Non provate a etichettare ciò che fa Payton con il termine jazz:, ve lo renderete subito nemico. Eppure qui c’è tutto quello che cerchiamo dal jazz: una cadenza ritmica particolare, una profonda conoscenza del suo lessico, una grande, grandissima, danzabilità. Payton è sicuramente uno dei musicisti più eleganti e raffinati che la generazione dei musicisti afro-americani abbia espresso nel periodo a cavallo tra la fine dello scorso millennio e l’inizio del nuovo. «Smoke Sessions» è una piccola grande lezione di musicalità, vissuta sull’ onda di una spontaneità scevra da eccessi e sovrastrutture. Tutto funziona alla perfezione e la ritmica (Ron Carter, che non ha bisogno di presentazioni, e il batterista Karriem Riggins, che è anche dj e produttore e che si muove in maniera tentacolare tra jazz e hip hop) è in assoluto il meglio in circolazione. Provate a trovare il pezzo più bello o quello più brutto e fatemelo sapere. Io non ci riesco.
Gaeta

Pubblicata sul numero di dicembre 2021 di Musica Jazz


DISTRIBUTORE

smokesessionsrecords.com

FORMAZIONE

Nicholas Payton (tr., p., p. el.), Ron Carter (cb.), Karriem Riggins (batt.); più George Coleman (ten.) in due brani.

DATA REGISTRAZIONE

New York, aprile 2021