MICHELE BONIFATI EMONG «Three Knots»

14937

AUTORE

Michele Bonifati Emong

TITOLO DEL DISCO

«Three Knots»

ETICHETTA

Nusica.org


L’esordio di Bonifati arriva discreto e «lento», come i tre nodi di vento ai quali si riferisce il titolo dell’album e l’«emong» che dà nome al gruppo, un aquilone capace di volare qua[1]si in assenza di vento, in volute circolari, grazie alla forza che si imprime sul filo. Dunque non c’è stasi, ma un movimento impresso e voluto, nella sua apparente immobilità, nel suo arrivare quieto, per certi versi inesorabile, esattamente come la musica di questo disco. Il contesto fluido creato dal quartetto non annulla i ruoli, piuttosto li esalta in modo assolutamente paritario, in una evoluzione spiraliforme e continua che non può prescindere da nessuno degli apporti. Le strutture costantemente proiettate dal leader, i flussi sonori dei fiati di Caliumi e Pierantoni, a dare propulsione, la volumetria ubiqua della Polidoro: tutto occupa pian piano lo spazio e la mente. Spunti apparentemente minimi si stratificano e montano, creando spessori inattesi, in una originalità talmente spiccata da spiazzare, che esplora textures e timbri e, insieme, il mondo sonoro dei quattro, che si intuisce senz’altro gravido di influenze e non ha paura di guardare oltre (come dimostrano anche i due brani cantati, con grande e sicura personalità, dalla Polidoro, Working Class Hero di John Lennon e Settle for Nothing dei Rage Against the Machine, unici due pezzi non originali, mentre gli altri sette vengono dalla penna di Bonifati). Un debutto spiazzante e bruciante, per ascoltatori che non abbiano timori del post-, che comunque costringe a fermarsi, per ascoltare.
Cerini

pubblicata sul numero di luglio 2023 di Musica Jazz


DISTRIBUTORE

nusica.org

FORMAZIONE

Federico Pierantoni (trne), Manuel Caliumi (alto), Michele Bonifati (chit.), Evita Polidoro (batt., voc.).

DATA REGISTRAZIONE

Verona 4 e 5-8-22.