Mary Larose «Out Here»

14044

AUTORE

Mary Larose

TITOLO DEL DISCO

«Out Here»

ETICHETTA

Little(i)music


Tramutare il titolo del disco di Eric Dolphy «Out There» (Là fuori) in «Out Here» (Qua fuori) è già un piano di lavoro. Ovvero, ricostruire una musica che ha sessanta e passa anni di età per avvicinarla a noi. Mary La Rose, fra le cui caratteristiche spicca purtroppo il suo essere assai sottovalutata, si è dedicata in passato a Ornette e ad Ayler, e dunque non è nuova a queste riletture del passato. A scortarla c’è Jeff Lederer (suo marito) il quale si è assunto la responsabilità di tutti gli arrangiamenti, trovando spunti anche nei manoscritti originali di Dolphy: per esempio, la visione cameristica di certi brani. Lederer ha lavorato sempre con l’equilibrato impegno di portare out here la musica composta dal multistrumentista californiano (oltre a un paio di brani altrui che Eric interpretò) senza tradirla. Su queste fondamenta di assoluta contemporaneità Mary LaRose ha costruito un disco potente per convinzione e nel quale si dispiegano la sua versatilità e il suo carisma. La cantante (ma anche pittrice e poetessa) dà voce letteralmente ai pezzi dolphiani utilizzando mezzi in uso nel jazz – scat, vocalese, recitazione ecc. – e attenendosi agli spericolati saliscendi del grande maestro. La troviamo di volta in volta brillante (GW), bluesy (Serene), groovy (Gazzelloni), sempre con un piglio irriducibile; ma soprattutto incorniciata da un gruppo attento e stimolante. Tutti hanno una personalità spiccata, ma vorrei spendere qualche parola per Tomeka Reid: ogni suo intervento ha un magnetismo davvero unico. In un paio di brani arrivano rinforzi, come quando Sanabria e Bosch sottolineano lo spirito caraibico di Music Matador. In altri, Mary LaRose, autrice dei testi, ricorre a poesie di sua figlia Hallie e di Patricia Donegan. E il suo duetto con Lederer (al clarone) in Love Me è una festa per le orecchie.
Piacentino

Pubblicata sul numero di marzo 2022 di Musica Jazz


DISTRIBUTORE

littleimusic.com

FORMAZIONE

Mary LaRose (voc.), Jeff Lederer (cl., clarone, arr.), Tomeka Reid (cello), Patricia Brennan (vibr., str. elettronici), Nick Dunston (cb.), Matt Wilson (batt.). Presenti in alcuni brani Jimmy Bosch (trne, voc.), Isaiah Johnson, Cameron Jones (cl.), Bobby Sanabria (perc.), Maya Rose Lederer (voc.).

DATA REGISTRAZIONE

New York, 15 e 16-1-2020.