MARGHERITA FAVA «Tatatu»

14845

AUTORE

Margherita Fava

TITOLO DEL DISCO

«Tatatu»

ETICHETTA

Caligola


È uno dei più sorprendenti esordi di quest’anno. E il curioso titolo, «Tatatu», fa riferimento alla prima frasetta che la futura musicista ha pronunciato quando era piccolina. Il significato? Faccio da sola, me la cavo io. A indicare il fatto che il disco è composto, arrangiato, prodotto e finanziato dalla pianista. Un’orgogliosa – e molto femminile – dichiarazione d’indipendenza per questa italiana di 27 anni che, giovanissima, ha raccolto armi e bagagli decidendo di studiare e di trasferirsi negli Stati Uniti. E proprio alla testa di un quartetto americano l’ascoltiamo qui. E che quartetto, dato che al clarinetto e al sax tenore c’è l’eccellente Greg Tardy, reduce dalla collaborazione nel super gruppo messo insieme da Bill Frisell per «Four». Il dialogo tra l’improvvisatore di New Orleans e la leader è telepatico, un’intesa che stupisce piacevolmente e incanta sin dal primo ascolto. L’iniziale Face Off, lirica improvvisazione per piano e sassofono che dura meno di due minuti, ci svela la cifra di «Tatatu»: musica dall’anima antica (la calzante definizione è di Rodney Whitaker, contrabbassista e mentore dell’artista veneta), dove l’amore per la bella melodia italiana si sposa con quello per il linguaggio del jazz moderno, in primo luogo il bop ma non solo. In Resilience, per esempio, il tema (impostato su una linea di basso) rimanda vagamente a Lonely Woman di Ornette Coleman e lascia a Tardy la possibilità di improvvisare in maniera molto libera, seguito a ruota da Margherita, il cui assolo modernista fa pensare a Herbie Hancock, tra i suoi artisti di riferimento. Ma tutte le composizioni scritte dalla musicista – nonostante la sua giovane età – possiedono un grande espressività e una forte carica emozionale, a cominciare dall’ipnotica Tidal Waves e da Bird of Passage, con il mood ispanico-sefardita evocato dal clarinetto. Un paio gli standard in scaletta: il monkiano Rhythm-A-Ning e All the Things You Are, tutti due riletti con originalità e padronanza e ben sostenuti dal drumming elegante di Michael J Reed. Chapeau!
Franchi

pubblicata sul numero di maggio 2023 di Musica Jazz


DISTRIBUTORE

IRD

FORMAZIONE

Margherita Fava (p.), Greg Tardy (ten., cl.), Javier Enrique, (cb.) Michael J. Reed (batt.).

.

DATA REGISTRAZIONE

Maumee, novembre 2022.