ANTONIO FUSCO «Sete»

14823

AUTORE

Antonio Fusco

TITOLO DEL DISCO

«Sete»

ETICHETTA

Da Vinci Jazz


Un consiglio: cominciate ad ascoltare questo disco dal terzo brano. È Alice in Wonderland, unico standard contenuto nel nuovo lavoro del batterista avellinese: un pezzo-chiave per capire la cifra estetica dell’album, e una scelta tutt’altro che casuale. L’evergreen composto da Sammy Fain per il celebre film d’animazione di Walt Disney è diventato un cult nella mitica versione registrata dal trio di Bill Evans nel 1961 al Village Vanguard. Ebbene, di quel leggendario gruppo – oltre al pianista del New Jersey – facevano il contrabbassista Scott LaFaro e Paul Motian. Proprio il drummer di Filadelfia (scomparso nel 2011) è il nume tutelare di Fusco, che al maestro ha dedicato anche un progetto sfociato nell’album in sestetto «Suite for Motian», uscito nel 2014 per i tipi di Parco della Musica Records. Rispetto all’interpretazione evansiana, quella del nostro trio è leggermente più veloce. Ma la grazia di questo valzer incanta comunque: il pianoforte del bravo Manuel Magri[1]ni danza sfoggiando un aplomb elegante e leggiadro; il basso di Ferdinando Romano tiene il passo per poi distendersi in un assolo ispirato; e la batteria del leader, un melodista raffinato capace di lasciar cantare il proprio strumento, gioca tra piatti e rullanti con sapienza e fantasia. E, proprio seguendo la lezione di Motian, il musicista campano ama «fare» il tempo anziché «tenerlo»: una caratterista, questa, che lo accomuna pure a un altro protagonista del drum set di oggi, Ari Hoenig, anche lui, guarda caso, di Filadelfia. Le restanti sei composizioni del disco sono tutte del leader e in parte ispirate all’esperienza del lockdown fin dai titoli (Quarantine). E, oltre a essere assai riuscite (dalla rasserenante ballad Peaceful Mind alla malinconica Sete, fino alla più ritmata e accattivante The Happiness Tango, dove Fusco si sbizzarrisce) costituiscono gli ideali trampolini di lancio per il dialogo e la telepatica improvvisazione di questi tre notevolissimi talenti del jazz italiano.
Franchi

pubblicata sul numero di agosto 2023 di Musica Jazz


DISTRIBUTORE

Egea

FORMAZIONE

Manuel Magrini (p.), Ferdinando Romano (cb.), Antonio Fusco (batt.).

DATA REGISTRAZIONE

Castellammare di Stabia, 3-10-20.