ALAN BROADBENT «Like Minds»

14800

AUTORE

Alan Broadbent

TITOLO DEL DISCO

«Like Minds»

ETICHETTA

Savant


Alan Broadbent ha suonato con mezzo mondo, anche – o forse soprattutto – nel pop, dove come compositore-arrangiatore si è guadagnato un paio di Grammy. Della sua ricca attività nel jazz ci piace ricordare particolarmente la sua presenza discreta eppure profonda in quel meraviglioso gruppo che fu il Quartet West di Charlie Haden. Adesso ha in corso una collaborazione stretta con Harvie S, nata quando erano compagni di di scuola alla Berklee, e con Billy Mintz. Tre anni fa ne venne fuori un piccolo gioiello come «Trio In Motion» e questo «Like Minds» (menti affini) non è da meno. Il gruppo entra nel classico solco del trio acustico creando della musica sofisticata, swingante e per nulla superata, anzi. C’è vita che pulsa forte in questi brani, che si tratti del trascinante Airegin di Sonny Rollins oppure della romantica ballad Stairway to the Stars. Credo che per uno studente di piano jazz il lavoro di Broadbent possa essere di grande ispirazione e approfondimento: la costruzione dell’assolo, la spettacolare varietà armonica, il senso del tempo e, perché no, del bello fanno del pianista neozelandese un jazzista di spessore come ce ne sono pochi nel mainstream, oltre che un compendio di svariate esperienze del pianismo moderno (in primis Bill Evans). Di fronte a tanta magnificenza rischia di finire un po’ in ombra il lavoro di Harvie S e Mintz, che pure danno il giusto drive a questo disco. Nel quale si ascoltano brani di Hank Mobley, Bud Powell, Kurt Weill, Charlie Parker e altri, oltre a un brano dello stesso Broadbent, Prelude to Peace, seriosa bossa con una impeccabile e complessa improvvisazione del leader.
Piacentino

pubblicata sul numero di aprile 2023 di Musica Jazz


DISTRIBUTORE

IRD

FORMAZIONE

Alan Broadbent (p.), Harvie S (cb.), Billy Mintz (batt.).

DATA REGISTRAZIONE

New York, 29-4 e 27-7-21.