Bergamo International Jazz Day 2022

Dal 22 al 30 aprile a Bergamo un confronto sulla didattica “dal” jazz in Italia.

5688

Bergamo International Jazz Day 2022 nel suo articolato cartellone riserva ampio spazio alla didattica con diversi interventi rivolti ai musicisti, agli studenti delle scuole primarie e secondarie e alla formazione dei docenti.
Si inizia venerdì 22 aprile alle ore 18.30 presso l’Aula 7 del Centro Didattico produzione Musica produzione Musica in Via De Amicis 6 a Bergamo con un seminario di Alceste Ayroldi su “La legislazione dello spettacolo e il diritto d’autore nelle opere musicali”. L’argomento è affrontato dall’autore in un omonimo libro per la casa editrice Arcana disponibile in tutte le migliori librerie e on line. Si tratta di una guida completa e puntuale per il musicista e gli addetti ai lavori, che fa il punto sulle professioni nel mondo dello spettacolo e sul diritto d’autore nelle opere musicali. Nel volume trovano chiarezza diverse tematiche cruciali: dal contratto di edizione a quello con la casa discografica, la tutela del gruppo musicale, la tutela della proprietà intellettuale, le differenze tra il diritto d’autore e il copyright, il plagio musicale; le società di gestione collettiva dei diritti d’autore, i diritti connessi, nonché la contrattualistica di riferimento.


Si continua sabato 23 aprile ore 15.30 e domenica 24 aprile ore 9.30 presso il Centro Culturale San Bartolomeo di Bergamo con il convegno Didattica “dal” jazz e “dalle” Musiche Audiotattili promosso da: Centro Didattico produzione Musica, Fondazione della Comunità Bergamasca, Comune di Bergamo, Centro Studi Maurizio Di Benedetto con il patrocinio di MIDJ Musicisti Italiani di Jazz e I-Jazz. Il convegno vede la partecipazione, in presenza, di tutte le rappresentanze del complesso sistema della didattica italiana dal mondo universitario italiano ed europeo all’associazionismo, dal comparto AFAM jazz e pop agli ambiti di ricerca pedagogica, musicologica e istituzionale. Si tratta di un importante confronto a più voci sollecitato dall’indagine realizzata nel dicembre 2020 su oltre 250 docenti italiani dalle associazioni MIDJ e IJVAS e curata da Claudio Angeleri e Mario Piatti. Gli atti del convegno costituiscono un importante documento di riflessione e ricerca di carattere pedagogico e normativo per la didattica jazz in Italia. Il Convegno è valido come corso di aggiornamento riconosciuto dalla piattaforma SOFIA del MIUR. (ID del corso 105132 Iscrizione tramite il seguente link a Google Forms https://forms.gle/F8n1fKVoR98eP5bK7). Ecco l’elenco dei partecipanti (in ordine alfabetico): Loredana Poli, Assessora all’istruzione del Comune di Bergamo, Claudio Angeleri, CDpM,  Il sistema della didattica musicale in Italia – Alceste Ayroldi, Docente University Of The West Of Scotland – Didattica della legislazione dello spettacolo; Angelo Bardini, Jose Mangione, Struttura di ricerca Piccole Scuole- INDIRE – II futuro della scuola: alleanze e patti educativi e l’esempio di Jazz Mood School;  Vincenzo Caporaletti, Università degli Studi di Macerata – Per una pedagogia audiotattile del jazz; Franco Caroni – L’esperienza di Siena Jazz; Giulia Trovesi Cremaschi, Federazione Italiana Musicoterapeuti – Il corpo vibrante; Paolo Damiani, Una Striscia di Terra Feconda – I centri di produzione musicale; Maurizio Franco, Associazione Musica Oggi – Tecniche audiotattili di analisi musicale; Alessandro Fedrigo, MIDJ Musicisti Italiani Di Jazz; Catia Gori, Il Jazz Va A Scuola; Enrico Intra, Associazione Musica Oggi – L’esperienza dei Civici Corsi Jazz; Giuliana Pella, Forum Nazionale Per l’Educazione Musicale- L’esperienza del Forum; Nicola Pisani, Conferenza Nazionale Docenti Jazz AFAM – L’esperienza del comparto AFAM Jazz; Massimo Pontoriero, UNISCA – Il riconoscimento professionale del musicista didatta; Andrea Marco Ricci, CAM – La didattica nelle associazioni del terzo settore; Giancarlo Ranzani, West London University – La didattica musicale nel sistema universitario europeo; Annalisa Spadolini, MIUR – Il piano delle arti; Enrico Strobino, Centro Studi Maurizio Di Benedetto – Il suono, l’istante e l’avventura; Tino Tracanna, coordinatore dipartimento jazz conservatorio Verdi di Milano, Angelo Valori I-Jazz – L’esperienza del comparto AFAM pop; Emiliano Valtulini, Trinity College London- Il sistema EQF e le certificazioni internazionali; Giulio Visibelli, Conferenza Nazionale Docenti Jazz AFAM – Civici Corsi Jazz – CDPM,  Maurizio Vitali Centro Studi Maurizio Di Benedetto – Per una pedagogia dell’invenzione musicale.
Le iniziative didattiche di Bergamo International Jazz Day 2022 si concluderanno nella settimana compresa tra il 26 e 30 aprile con una serie di lezioni concerto nelle scuole del territorio grazie alla rete scolastica nazionale Jazz (mood) Day.
Tutte le iniziative sono libere e gratuite. Per info e prenotazioni info@cdpm.it.