André Cymone «1969»

3021

AUTORE

André Cymone

TITOLO DEL DISCO

«1969»

ETICHETTA

Leopard


Procuratevi un succo di Cody Chesnutt, aggiungete un cucchiaino di Lenny Kravitz: con tre parti di Garland Jeffreys e, spezzettando un po’ di Prince, otterrete André Cymone, bassista e songwriter di Minneapolis che con il compianto Roger Nelson divide non solo il luogo d’origine ma anche il mese (è nato il 27 giugno, venti giorni dopo Prince) e l’anno di nascita (il 1958).

Con la rockstar – ormai passata a miglior vita – Cymone ha suonato nei primi di anni di carriera, il periodo immediatamente precedente ai Revolution. La sua musica risente di frequentazioni in cui il rock ha avuto un ruolo preponderante e questo «1969» – il sesto della sua carriera – è appunto un album di buon vecchio, sano e robusto rock’n’roll con la cassa della batteria di Nick Adams a supportare dodici concentrati di energica voglia di non invecchiare. È il blues il terreno di coltura di questa musica (It’s Rock And Roll, Man oppure Point And Click) che fa da sfondo ad una invidiabile capacità di scrittura di testi che pescano nella contemporaneità del «nero» dei nostri giorni (Black Lives Matter o Black Man In America). Per nostalgici, sconsigliato ai duri e puri del jazz.

Gaeta

[da Musica Jazz, dicembre 2017]


DISTRIBUTORE

IRD

FORMAZIONE

André Cymone (chit., b. el., voc.), Chris Vasquez, Devon Ian Pangle (chit.), Clark Dark (b.el.), Nick Adams (batt.), William «Hollywood» Doughty (perc.), Mic Murphy (voc.).

DATA REGISTRAZIONE

Madison, 2016.