Wayne Shorter Quartet – 14 luglio 2017 – Umbria Jazz

470
Wayne Shorter - Umbria Jazz
Wayne Shorter - Giancarlo Belfiore - Cortesia Umbria Jazz

Wayne Shorter Quartet & Orchestra da Camera di Perugia, Umbria Jazz – 14 luglio 2017 

In una notte perugina dal vento leggero Wayne Shorter erige un monumento musicale proponendo all’Arena Santa Giuliana la sua composizione Emanon per quartetto e orchestra, finora eseguita pochissime volte e destinata alla pubblicazione discografica per la Blue Note. Il titolo riprende quello del celebre brano (1947) di Dizzy Gillespie e ripropone uno storico inside joke del bebop, col suo No Name letto al contrario. La lunga serata inizia con quarantacinque minuti dell’ormai classico quartetto – Danilo Perez, John Patitucci e Brian Blade – guidato dal sassofonista.

Fin da subito Shorter mostra di essere in grande forma, muovendosi con sublime eleganza nei grooves aperti da Blade e Patitucci e dialogando con il piano di Perez, a volte sussurrando e a volte alzando i toni su composizioni del suo repertorio storico. E, soprattutto al tenore, il sound del sassofonista è quello delle sue pagine più felici. Ma il momento topico vede l’ingresso dei quaranta membri dell’Orchestra da Camera di Perugia, la quale affronta con finezza e impeto i tre complessi movimenti del lavoro shorteriano confermando l’eterna vitalità del suo autore e la sua frequente ispirazione fantascientifica. I tre movimenti scorrono nell’emozione del pubblico (mentre il quartetto continua a sovrapporsi, sostituirsi e amalgamarsi all’orchestra) dando la misura di una musica epica e tipicamente americana nel suo alternarsi tra lirismo e tensione, sulla scia dei grandi compositori statunitensi del Novecento (Leonard Bernstein in primis). Alla fine è proprio questo che rimane agli spettatori: l’aver assistito a una prova di orgoglio tutto americano e di gusto per la sfida, come avrebbe potuto essere il cinema di John Milius con Un mercoledì da leoni o Il vento e il leone: e, davvero, il Leone ha ancora una volta suonato nel vento di Perugia.

Giancarlo Spezia

Wayne Shorter Quartet - Umbria Jazz
Wayne Shorter Quartet – Giancarlo Belfiore – cortesia Umbria Jazz