Un quarto di secolo per Umbria Jazz Winter 2017 – II parte

264
Umbria Jazz Winter 2017, teatro Mancinelli Orvieto

La sera del 29 dicembre, il teatro Mancinelli ospita la première italiana del progetto del pianista statunitense Jason Moran, In My Mind: Monk At Town Hall 1959. Una super band si diceva, infatti con Moran ci sono: Logan Richardson al contralto, Walter Smith III al sassofono tenore, Ralph Alessi alla tromba, Andre Hayward al trombone, Bob Stewart alla tuba, Tarus Mateen al basso, Nasheet Waits alla batteria.

È un lavoro filologico, non una riproduzione sic et simpliciter. Moran ha studiato Thelonious Monk alla perfezione, è la sua Musa ispiratrice, il suo mentore spirituale. E si vede e si sente: un progetto perfetto in ogni sua fase, dalla multimedialità che lo accompagna dall’inizio alla fine – sullo sfondo le immagini che scorrono con un Monk criptato e defilato – e con la sua voce che s’accende. Emoziona ed è parte integrante di una struttura perfettamente architettata con degli arrangiamenti sorprendenti e delle trovate, sicuramente non nuove ma geniali, come la sovrapposizione della registrazione del piano di Monk con quello live di Moran (Thelonious). I musicisti interpretano perfettamente le loro parti, con un organico coeso e robusto dal quale fioriscono assolo di particolare pregio, come quello di Richardson in Friday The 13th, il suono pulito e avvolgente di Hayward e la boccaccesca versione di Crepuscule With Nellie, con i suoni che si distorcono e si annullano a vicenda; fino alla trionfale uscita di scena in perfetto stile marchin’band.

Umbria Jazz Winter 2017 - Jason Moran
Umbria Jazz Winter 2017 – Jason Moran e la sua band per In My Mind: Monk At Town Hall 1959
Umbria Jazz Winter 2017 – Jason Moran e la sua band per In My Mind: Monk At Town Hall 1959

A seguire, cambio di rotta con Marc Ribot and The Young Philadelphians. Una sberla in pieno volto, ben assestata e di quelle salutari. The Young Philadelphians annoverano due elementi che promettono fuoco e fiamme: Jamaaladeen Tacuma e Mary Halvorson. Il primo è ben noto per aver forgiato il sound avanguardistico di «Of Human Feelings», album di Ornette Coleman del 1982 e preso parte alla genesi del Philly Sound, alias il Philadelphia Soul degli anni Settanta. La seconda, invece, non necessita di molte spiegazioni, visto che è – da più parti – acclamata come una tra le migliori chitarriste di jazz d’avanguardia. Il gruppo è completato dal corpulento e roccioso Calvin Weston alla batteria e da un giovane trio d’archi.

Mission dell’ensemble è quello di fondere le sonorità punk-jazz (condite da Ornette Coleman) con il Philly Sound. Il risultato non poteva essere che entusiasmante, travolgente. Con Ribot a fare anche da maestro concertatore e lanciarsi in una specie di speech song per intonare ritornelli e ostinati. E così, al via il flusso di musica che inonda l’ottocentesco teatro orvietano e fa battere il piedino e ondeggiare spalle e fianchi comodamente accomodati. The Hustle di Van McCoy diventa dura e penetrante sotto i magli di groove di Tacuma e le fibrillazioni chitarristiche di Ribot. Viene passata al letto di Procuste anche Do It Anyway You Wanna, successo dei People’s Choice. E va da se che anche gli altri brani proposti subiscono lo stesso trattamento, di volta in volta esaltando Ribot o Tacuma, con l’apporto ritmico e descrittivo della Halvorson e il senso orchestrale impresso dal trio d’archi, come Fly Robin Fly (già dei Silver Convention) o la «mitica» Tsop dei MFSB, araldo del sound di Philadelphia, che si sintonizza anche su canali psichedelici.

Umbria Jazz Winter – Marc Ribot and The Young Philadelphians
Umbria Jazz Winter - Marc Ribot e Mary Halvorson
Umbria Jazz Winter – Marc Ribot e Mary Halvorson

Il 30 dicembre, repliche a parte, è l’inedito trio Giovanni Guidi – Francesco Bearzatti – Michele Rabbia a conquistarsi la scena tardo-pomeridiana, con un progetto del tutto inedito che, inizialmente, vedeva la presenza di Luca Aquino, purtroppo indisposto, al posto di Bearzatti. I tre musicisti costruiscono tutto al momento, in un’improvvisazione accolita e sentita, con Guidi in testa a manovrare i suoni e Rabbia a dipingere il ritmo, mentre a Bearzatti veniva lasciata la sciabola della torrenziale improvvisazione.

Umbria Jazz Winter - Giovanni Guidi, Francesco Bearzatti e Michele Rabbia
Umbria Jazz Winter –
Giovanni Guidi, Francesco Bearzatti e Michele Rabbia

In serata il Mancinelli ospita il nuovo progetto di Maria Pia De Vito: Core/coraçao, con Huw Warren al pianoforte, Roberto Taufic alla chitarra, Gabriele Mirabassi al clarinetto e Roberto Rossi alle percussioni e batteria. Il napoletano incontra il portoghese brasiliano, la poetica di Chico Buarque de Holanda, di Egberto Gismonti, di Tom Zè, di Guinga; il tutto traslato in lingua napoletana con filosofica attenzione da parte di Maria Pia De Vito, che ne interpreta i brani con solenne leggerezza, con una voce camaleontica, capace di intonare tanto la dialettica brasiliana che – ovviamente – la prosodia partenopea. Brani che trovano nell’arrangiamento jazzistico il loro alveo naturale, come ‘A costruzione; Agua e vinho di Gismonti che s’accomoda nella indistruttibile e bellissima Voce ‘e notte; le drammatiche note rivestite di sapiente ironia di O’ piccirillo. I colori sono ravvivati dalla morbida chitarra di Taufic, che accompagna con maestria anche gli assolo intensi, degli arabeschi luminosi disegnati da Mirabassi.

Umbria Jazz Winter - Maria Pia De Vito: Core/coraçao
Umbria Jazz Winter – Maria Pia De Vito: Core/coraçao

La mattina del 31 dicembre è contrassegnata dall’appuntamento con il «Monkfold test» organizzato da Umbria Jazz con Dan Ouellette della rivista Down Beat. Un blindfold test in versione esclusivamente monkiana, al quale è stato sottoposto Jason Moran. L’occasione è stata propizia anche per ricordare i venticinque anni di Umbria Jazz, con lo stesso Ouellette, Carlo Pagnotta ed Enzo Capua.

Il pomeriggio dal sapore festivo viene celebrato con l’ultimo disco nato in casa Fabrizio Bosso: «Merry Christmas Baby». Al fianco del trombettista piemontese ci sono Julian Oliver Mazzariello al pianoforte, Jacopo Ferrazza al contrabbasso e Nicola Angelucci alla batteria; ospite del gruppo il vocalist Walter Ricci. Bosso mette in campo tutta la sua maestria nel dominare la tromba, nel pescare dal vocabolario del grande jazz e nel caricare di swing e hard bop brani immarcescibili come Jingle Bells, Have Yourself a Merry Little Christmas. Ricci fa della voce uno strumento con uno scat torrido e ben strutturato.

Come da tradizione, poi, un consistente novero di concerti a latere, che hanno visto impegnati nomi eccellenti della scena internazionale, come The Connection Trio con Piero Odorici, Daryl Hall e Roberto Gatto; il grande bluesman Little Freddie King, che ha fatto sentire il blues che non s’ascoltava da tempo, con il suo abito azzurro intenso e tanto di cappellaccio a falde larghe; poi Luca Velotti, il trio resident formato da Riccardo Biseo, Massimo Moriconi e Gegè Munari; lo swing di Sugarpie & The Candymen; lo spettacolo musical-culinario-swing di Spaghetti Swing; il quartetto di Filippo Bianchini.

Il quadro pittorico è completato dalla meravigliosa cornice della street band dei Funk Off che, magistralmente guidati da Dario Cecchini, hanno invaso le romaniche vie di Orvieto con eccellente bravura e con un senso dello spettacolo non comune.

Alceste Ayroldi

Fotografie di Cristiano Romano

Umbria Jazz Winter - Rea, Gatto e Pietropaoli
Umbria Jazz Winter – Rea, Gatto e Pietropaoli