Take 6 a Cremonajazz

158

Direttamente dagli Stati Uniti e in tour per promuovere il loro ultimo disco fresco di stampa, domenica sera 8 maggio alle ore 21.15 si esibiranno i Take 6 nel meraviglioso Auditorium “Giovanni Arvedi” presso il Museo del Violino per la terza tappa di CremonaJazz 2016. La rassegna è organizzata dalla società Unomedia, si avvale del Patrocinio del Comune e della Provincia di Cremona, ha come main partner Metalloinvest, come partner Willis e Air Liquide, con il sostegno di MdV friends e la collaborazione dei Local and Technical Partners Locanda Torriani, Cremona Hotels, Chiave di Bacco e altre importanti realtà imprenditoriali del territorio.

Sono insieme da ormai trent’anni, ma l’ultimo album uscito giusto da un paio di mesi testimonia tutta la loro voglia di fare musica e soprattutto di continuare a farla insieme. Il titolo è “Get ready to believe” ed ancora una volta si tratta di un lavoro all’insegna dell’armonia. Armonia che si respira all’interno del gruppo, per consonanza di vedute e di obiettivi, ma anche e soprattutto armonia vocale che è la cifra della loro musicalità.

Questo album, il numero quattordici di una lunga e felice carriera e il relativo tour che farà tappa anche a Cremona, arriva in un momento in cui il canto a cappella sta vivendo una grande fortuna e un rinnovato interesse, soprattutto grazie ad alcuni video postati sui social media che sono piaciuti così tanto da divenire “virali” ed essere quindi visti milioni di volte in tutto il mondo. Ma certo i Take 6 non si sono inventati sull’onda di questo successo, essendo il gruppo più significativo tra le formazioni vocali che ha portato lo stile “a cappella” ai vertici delle classifiche. Sono da sempre acclamati da critica e pubblico con collaborazioni di artisti del calibro di Ray Charles, Quincy Jones e Queen Latifah.

Anzi i Take 6, senza timore di esagerare, hanno sicuramente influenzato molti dei gruppi ora in circolazione, da veri artefici dello stile del canto “a cappella” moderno, che si è andato affermando in questi anni e che risente fortemente delle architetture vocali con cui i sei artisti hanno arrangiato i loro brani. Del resto essere sempre un passo avanti è una caratteristica che li ha contraddistinti fin dall’inizio. Già negli anni Novanta fecero da precursori a diversi gruppi vocali maschili, il più famoso dei quali era quello dei Boyz II Men.

Dai tempi del loro debutto nel 1998, i Take 6 hanno ottenuto qualcosa come 24 nomination ai Grammy (il premio più importante per i musicisti americani, paragonabile agli Oscar nel Cinema) in ben quattro generi: Jazz, R&B. Gospel e Pop, vincendone qualcosa come dieci in tre diverse categorie. Certo, le loro radici affondano nel Gospel e si rifanno ad alcuni raffinati gruppi vocali jazz in voga nella metà del secolo scorso in America, ma sono loro ad aver ridisegnato lo scenario della musica “a cappella”. Indimenticabili a questo proposito sono i primi due album, rispettivamente del 1988 e del 1990, che ancora adesso “suonano” all’avanguardia e che sfidano, con la loro freschezza nell’interpretazione e ricchezza negli arrangiamenti, qualunque tentativo di classificazione.

Si aggiunga solo che questo gruppo vocale, che ha fatto un pezzo di storia della musica americana, amato e acclamato in ogni parte del mondo, a Cremona troverà un luogo in cui far risaltare nel modo migliore le proprie qualità e specificità, basate sulla purezza del suono di ciascuno dei sei componenti che va ad amalgamarsi perfettamente con quello degli altri, creando armonie perfette. Quelle stesse armonie si avvantaggeranno ulteriormente grazie all’acustica eccezionale dell’Auditorium Giovanni Arvedi che ospita questo concerto cremonese. Una ragione in più per essere presenti, in religioso ascolto di quanto accadrà quella sera.

Per ricevere tutte le informazioni sui concerti di CremonaJazz, si può scrivere una e-mail a info@cremonajazz.it, mentre per mantenere i contatti e ricevere tutti gli aggiornamenti si può visitare il sito www.cremonajazz.it oppure seguire sui social la pagina Facebook e Twitter.