Que viva Jazz Club, Festival Internazionale Jazz in Sardegna

520
Festival Internazionale Jazz in Sardegna

35° Festival Internazionale Jazz in Sardegna, Que Viva Jazz Club – Cagliari

31 ottobre – 5 novembre 2017

L’European Jazz Expo, giunto alla trentacinquesima edizione con Jazz in Sardegna, è il festival più antico dell’isola mediterranea, il peccato originale dal quale per proliferazione sono nati tutti gli altri – da Time in jazz di Berchidda a Cala Gonone jazz. In questa edizione, a Cagliari dal 31 ottobre al 5 novembre, si rende omaggio alla figura di Che Guevara, di cui cade il cinquantenario della scomparsa e ritraendo il rivoluzionario in posa con una tromba, con cinquanta concerti di star da Avishai Cohen a Steve Swallow e Matt Bianco.

Festival Internazionale Jazz in Sardegna
Che Guevara

L’icona sarà l’inedito simbolo dell’ennesimo cambiamento di questa manifestazione e quest’anno inonderà di musica il centro del capoluogo regionale sardo, con appuntamenti nei locali che abitualmente ospitano musica dal vivo. A partire dai due jazz club più titolati, il Jazzino, sede di programmazione quasi quotidiana dello stesso Jazz in Sardegna, al B-Flat e poi Vin Voglio, Bar Florio, Jazz art, il negozio di strumenti musicali Dal Maso e lo spazio all’aperto dell’Exma, sede anche di Radio X (media partner del festival).

Ennesima mutazione per questo grande festival che, oltre una decina di anni fa, aveva cambiato pelle trasformandosi in una Expo dai numeri importanti, allestito prima nella centrale ex Fiera Campionaria, successivamente nell’oasi di verde del Parco di Monte Claro e infine nel Parco della Musica. Sfrattato dall’amministrazione comunale è stato costretto a migrare in terra oristanese, nel Parco dei Suoni, allestendo lo scorso anno una parte cagliaritana nel quartiere storico di Villanova.

Questa volta ritorna nel format originale a testimoniare quanto il jazz in questa città abbia avuto, e continui ad avere, vita difficile. Eccoci dunque a Que viva Jazz club, manifestazione resistente in attesa di giorni migliori che si terrà in “luoghi di formazione permanente del pubblico, luoghi di crescita dei giovani musicisti – così ha detto il direttore artistico Massimo Palmas durante la presentazione – luoghi resilienti e combattivi dove cento anni fa nacque il jazz”.

E allora “vamos a defender la revolucìon urbana” con un programma fitto di live e iniziative collaterali.

Si inizia tutti i giorni al mattino, dalle ore 12 e si va avanti sino a notte inoltrata. Il filo dei concerti si dipanerà in contemporanea in spazi diversi permettendo a ciascuno di farsi – secondo una formula collaudata con l’Expo – il proprio percorso, tra live di star ed emergenti. La parte del leone naturalmente è dei due jazz club maggiori dove gli spazi sono più grandi e si può anche raddoppiare il set: al Jazzino dalle 19 alle 22,30 e al B Flat dalle 20,30 alle 22,30 sono attesi il trombettista americano Avishai Cohen (il 1 novembre), il grande bassista Steve Swallow (il 3), gli alfieri del soul jazz Matt Bianco (il 31 e l’1), l’effervescente trombonista Mauro Ottolini e la sua Sousaphonix orchestra (il 4 e 5) e in duo con il sassofonista Gavino Murgia (il 2 al Vin Voglio e il 3 al Jazz art), il virtuoso della mandola Aziz Sahmaoui (il 5), la Paolo Nonnis Big Band con il singer bulgaro Vassil Petrov (31), la romana Chiara Civello in trio e la giovane clarinettista e compositrice oristanese Zoe Pia (entrambe il 2) e infine la straordinaria vocalist e musicista brasiliana Maria Gadù il 4 e il 5.

Festival Internazionale Jazz in Sardegna

All’Exma, spazio alle nuove produzioni e tra le diverse in programma spicca quella della formazione dei Roundella insieme al pianista Luca Mannutza, il quintetto del batterista Gianrico Manca e il New Ensemble del pianista Paolo Carrus. In collaborazione con il festival Creuza de ma, i Sousaphonix di Ottolini presenteranno un repertorio dedicato a Buster Keaton (previsto anche il set di Gianmarco Diana Cinematica). Ogni giorno concerti-aperitivo al Bar Florio: qui il produttore dub Arrogalla si esibirà il 31 con il trombettista Francesco Bachis (la sera replica al Jazz art), l’1 con la cantante Francesca Corrias e il 4 con Jeffrey. Da non perdere l’incontro tra il chitarrista Massimo Ferra e il sassofonista Javier Girotto (il 31 al Jazz Art, l’1 al Vin voglio, e il 2 da Dal Maso). E poi ancora set dei Pupi di Surfaro, Azzurra & Jio, Safir Nou… e molti altri!

Festival Internazionale Jazz in Sardegna
Zoe Pia – Shardana

Attenzione infine alle attività didattiche rivolte ai giovanissimi che si terranno nella terrazza dell’Exmà, un progetto a cura della musicoterapista Francesca Romana Motzo in collaborazione con la Scuola Civica di Sestu e l’Eje e che vedrà in data 1 novembre come special guest Javier Girotto.

Informazioni e prevendite allo 070 657428 (Box Office) o allo 070 8571621 oppure  391 4603924 (Jazzino).

Walter Porcedda

Festival Internazionale Jazz in Sardegna, Que Viva Jazz Club - Cagliari 31 ottobre - 5 novembre 2017 Il festival più antico dell'isola mediterranea
Aziz Sahmaoui – foto Manuel Lagos Cid

 

Festival Internazionale Jazz in Sardegna