Oregon – Stresa Midsummer Jazz Concerts, 19 luglio 2017

225
Oregon - Stresa 19 07 2017 Ph francesco Spezia
Oregon - Stresa Midsummer Jazz, 19 07 2017 - Foto Francesco Spezia

Stresa Midsummer Jazz Concerts – 5 luglio 2017

Nella magia di un palcoscenico affacciato sul lungolago di Stresa, i fortunati spettatori hanno potuto assistere a una superba prova degli Oregon. Il gruppo, in attività dal 1970, deve gran parte del suo repertorio alla felice penna di Ralph Towner, e anche questa volta ha spaziato dentro ad una musica che pur facendo capo ad atmosfere delicate e soffuse sa affacciarsi al mondo e lasciarsi contaminare da musiche etniche arricchendo enormemente la propria tavolozza di colori. Il ricorso anche a temi della canzone popolare Irlandese (The Water Is Wide) ha ulteriormente amplificato la varietà delle situazioni.

L’apertura del concerto, come avviene da diversi anni, è stata affidata a If, meravigliosamente introdotto da Towner con un assolo dal sapore ispanico e declamato in tutta la sua bellezza dal soprano di McCandless. Quest’ultimo, nel corso della serata, ha utilizzato anche l’oboe (di cui è indiscutibile virtuoso), il clarinetto basso, il corno inglese e una pletora di flauti e flautini.

oregon
McCandeless a Stresa Midsummer Jazz, 19 07 2017 – foto Francesco Spezia

Paolino Dalla Porta è l’autentico esempio di un musicista italiano inserito ai vertici del jazz internazionale: gran signore del contrabbasso, chiamato come membro stabile della band non solo per le esibizioni europee ma per i tour mondiali e le prove in studio. Tenuto conto del prestigio degli Oregon, questo è un grande traguardo per un musicista del nostro Paese, che conquista tutti con la sua eleganza nella vita e nella musica.

Paolino Dalla Porta – Stresa Midsummer Jazz, 19 07 2017 – foto Francesco Spezia

Una grande prova anche quella del batterista e percussionista Mark Walker, che ha sfoggiato grande eleganza e discrezione; ma il suo approccio poliritmico e l’intelligente uso delle percussioni ha trovato l’apoteosi in un brano improvvisato che il gruppo ha suonato a metà concerto. Qui Towner ha abbandonato la chitarra per le tastiere elettriche ed effetti computerizzati, creando atmosfere siderali in cui tutti gli strumenti sfrigolavano con un andamento ondeggiante, misterioso e apparentemente caotico, tale da ricordare i memorabili preludi dell’ultimo Gil Evans, per poi far virare l’esecuzione verso una melodia enunciata dai flauti di McCandless in un crescendo che ha entusiasmato il pubblico.
Un trionfo per i musicisti, lungamente acclamati dal pubblico alla fine di una significativa performance.

Giancarlo Spezia

Oregon Ralph Towner
Ralph Towner – Stresa Midsummer Jazz,19 07 2107 – foto Francesco Spezia
oregon
Oregon – Stresa Midsummer Jazz, 19 07 2017 – foto Francesco Spezia