Lana Meets Jazz, dal 30 aprile al 6 maggio 2018

201
Lana Meets Jazz
Gianni Coscia e Gianluigi Trovesi a Lana Meets Jazz 2018

Lana Meets Jazz – Lana, Merano e Bolzano – dal 30 aprile al 6 maggio 2018

Giunto alla settima edizione, il festival Lana Meets Jazz conferma la propria impostazione vincente, che punta sul coinvolgimento di fasce diverse, sia per quanto riguarda i musicisti coinvolti che per il pubblico. Sotto quest’ultimo aspetto, il piccolo festival che pensa in grande ha superato quest’anno la già ampia e variegata partecipazione delle passate edizioni. La particolare attenzione verso la musica che si manifesta a tutti i livelli nell’area geografica dell’Alto Adige è stata sviluppata al meglio attraverso il capillare lavoro nelle Scuole musicali di Lana e Merano da parte dei direttori artistici del festival, Helga Plankensteiner e Michael Lösch, portando non solo a un livello eccellente la preparazione degli allievi, spesso giovanissimi, ma agendo altresì come volano per la partecipazione di un pubblico che spazia dagli appassionati alle famiglie.

Il segnale positivo è arrivato fin dall’esordio del festival, nella sede gremita della Scuola Musicale di Lana, dove si sono esibiti alcuni tra i migliori allievi nel Jazz Ensemble The Disaster e nella Big Band Giovanile dell’Alto Adige, scaturita dai corsi di Merano, che nel 2017 ha vinto il bando nazionale della Siae “Sillumina”.

Lana Meets Jazz
Allievi della Scuola Musicale di Lana, Lana Meets Jazz 2018

E si è confermato il giorno successivo, quando sulla scena è salito il duo veterano di Gianni Coscia e Gianluigi Trovesi, introdotto nella biblioteca straripante di pubblico da altri due impeccabili organici di sax formati dagli allievi delle Scuole musicali locali. Il duo sta giungendo ormai al traguardo dei cinque lustri di attività, ma non ha perso lo smalto. Anzi, come il buon vino, ha guadagnato con il trascorrere del tempo. Coscia e Trovesi propongono sempre il loro inossidabile repertorio che mescola musica popolare padana, musica rinascimentale, jazz contemporaneo e delle origini. La musica si muove ormai su un terreno ben collaudato, ma l’eleganza e il senso dell’avventura si rinnovano.

Lana Meets Jazz
Gianni Coscia e Gianluigi Trovesi, Lana Meets Jazz 2018

Altra serata di grande partecipazione è stata quella che ha presentato un lavoro originale di Lösch in cui erano coinvolti due solisti apprezzati come il trombettista Thomas Gansch e il sassofonista alto Florian Bramböck, insieme alla Banda di Lana. Un’occasione per dimostrare come il jazz possa essere nel contempo popolare e raffinato, possa toccare l’emozione e stimolare l’intelletto. Merito delle belle, articolate, ironiche composizioni di Lösch, che sedeva alle tastiere, ma anche della professionalità di una Banda che ha affrontato materiali non semplici con ammirabile efficacia. E merito naturalmente dei due solisti sul proscenio, la cui differente personalità si integrava perfettamente, mostrando ancora come nel jazz i contrasti rappresentino una risorsa creativa. Gansch è un fenomeno di virtuosismo, un trascinatore per istinto. Bramböck un solista raffinatissimo, che sa narrare storie attraverso la musica. Insieme, hanno fatto lievitare la musica.

Lana Meets Jazz
Banda Lana a Lana Meets Jazz 2018
Lana Meets Jazz
Il trombettista Thomas Gansch e il sassofonista alto Florian Bramböck, Lana Meets Jazz 2018

Da sottolineare anche il concerto proposto in uno storico locale per il jazz come il Laurin Bar di Bolzano, dove si presentava un altro veterano, il sassofonista Gary Bartz, in quintetto con quattro musicisti dell’area torinese, tra cui Riccardo Ruggieri al pianoforte e Luigi Bonafede alla batteria. L’anziano sassofonista è ancora in perfetta forma e ha sfoderato il proprio suono luminoso e tagliente, la propria capacità di scandagliare con piglio sempre ricco di sorprese un repertorio classico, tra cui spiccava una notevole interpretazione di Naima. Tra le altre cose da segnalare, l’operazione del quintetto di sax Potsa Lotsa sul poema dadaista di Kurt Schwitters Ursonate e il concerto di Enten Eller, in cui ha brillato per articolazione e convinzione la tromba di Alberto Mandarini.  

Giuseppe Segala

Lana Meets Jazz
Riccardo Ruggieri e Gary Bartz, Lana Meets Jazz 2018
Lana Meets Jazz
Enten Eller, Lana Meets Jazz 2018