Jazz in Masseria Celentano, a San Severo: dal 5 giugno all’11 settembre

Prima edizione della rassegna sanseverese, con la direzione artistica di Antonio Tarantino, che si terrà presso il relais e agriturismo Masseria Celentano, che vedrà in scena, tra gli altri, Yellowjackets, Jacky Terrasson, Wayne Escoffery, Johnny O'Neal.

378

San Severo aspetta la lunga estate jazz, programmata grazie al neo sodalizio fra l’Associazione No-Profit “Amici Jazz San Severo” e la Direzione della bellissima tenuta Masseria Celentano del Dott. Alberto Longo.
La rassegna partirà il prossimo 5 giugno per inoltrarsi fino all’11settembre.
Sei importanti appuntamenti, tutti di mercoledì, con grandi protagonisti della scena jazz internazionale e nazionale ed in esclusiva assoluta per il centro sud Italia, unica tappa San Severo.

Yellowjackets

Mercoledì 5 Giugno – ore 22.30
Yellowjackets
Russel Ferrante: piano/keyboard
Bob Mintzer: sax
Dane Alderson: bass
William Kennedy: drums
Yellowjackets, la più longeva e creativa fusion band della storia, il gruppo più rappresentativo della fusion dagli Anni 80 ad oggi. Circa 30 album alle spalle, milioni di copie vendute, centinaia di concerti in tutto il mondo, due Grammy Awards vinti: nel 1987 come miglior performance strumentale r&b e nel 1989 come miglior performance jazz fusion. Negli anni successivi hanno ricevuto una quindicina di nomination ai Grammy per composizione, album e performance.

Jacky Terrasson, foto Luciano Rossetti-Phocus Agency

Mercoledì 19 Giugno – ore 22.30
Jacky Terrasson Trio
Jacky Terrasson: piano
Géraud Portal: double bass
Tony Rabeson: drums
Terrasson, il “pianista della felicità”, in grado di trasportare il suo pubblico all’euforia. “Grande classe internazionale”. Con uno stile tecnicamente perfetto, Terrasson abbina la tradizione modernista europea (ascoltandolo possono a volte venire in mente Debussy e Ravel) e l’alta scuola dell’improvvisazione pianistica jazz afroamericana, in linea con una tradizione che da Art Tatum, passando per Bud Powell, Ahmad Jamal e Thelonious Monk, arriva a Bill Evans. Il New York Times Magazine lo definisce come uno dei 30 under 30, ovvero uno dei 30 artisti più inclini a cambiare la cultura americana nei prossimi 30 anni.

Walter Ricci
Michael Rosen

Mercoledì 3 Luglio – ore 22.30
Michael Rosen con Water Ricci Trio
Michael Rosen: sax
Walter Ricci: vocals – piano
Daniele Sorrentino: double bass
Lorenzo Tucci: drums
Il sound accattivante di Michael Rosen e la sua simpatia ne hanno fatto un artista richiestissimo sia negli USA che in Europa e in questo tour incontra il trio di Walter Ricci, giovane artista partenopeo protagonista non solo come cantante ma anche in veste di pianista. Ricci attinge al repertorio di standard interpretati dai più grandi cantanti del passato e parte importante del concerto è costituita da brani originali, con una attenzione particolare alle sonorità moderne, spazio all’improvvisazione e con un occhio anche alle contaminazioni.

Wayne Escoffery

Mercoledì 24 Luglio – ore 22.30
Wayne Escoffery con Dea Trio
Wayne Escoffery: sax
Andrea Rea: piano
Daniele Sorrentino: double bass
Elio Coppola: drums
La rivista americana All About Jazz  definisce Wayne Escoffery “musicista talentuoso”, capace di produrre un suono dalle linee lunghe e fluide, intenso, caldo e a volte struggente, una creatività degna di nota e una vasta gamma di espressività. Un’assoluta consacrazione tra le vette più alte del jazz mondiale.In occasione di questa prima edizione del Jazzin Masseria Celentano, Escoffery incontrerà il Dea Trio, formazione attiva da oltre 15 anni, composta da musicisti straordinari che possiedono gli elementi fondamentali per la perfetta riuscita di un ensemble che con la comunanza negli elementi stilistici raggiungono un perfetto interplay. 

Johnny O’Neal

Mercoledì 28 Agosto – ore 22.30
Johnny O’Neal Trio
Johnny O’ Neal: piano – voice
Mark Levandowski: double bass
Itay Morchi: drums
Johnny O’ Neal, una storia la sua, intensa, dura e fortunata. Un artista a “tutto tondo”, un vero intrattenitore, capace di incantare sia suonando che cantando. Un grande raccontatore, con una spiccata vocalità polverosa dalla bella tensione bluesy. Si muove con eleganza evidenziando l’abilità di un consumato entertainer ma anche raffinato gusto armonico, fluidità melodica e tensione ritmica. Un vero cantastorie del mondo della musica come solo i grandi artisti che hanno fatto la storia e che incarnano un certo tipo di tradizione sanno fare.

Joyce Eilaine Yuille

Mercoledì 11 Settembre – ore 22.30
Joyce Eilaine Yuille 4tet
Joyce E. Yuille: voice
Stefano Calzolari: piano
Stefano Senni: double bass
Mauro Beggio: drums
Sarà la bellissima voce di JOYCE E. YUILLE  con il suo quartetto a chiudere la prima edizione del J A Z Z I N   MASSERIA CELENTANO. La classe di Joyce E. Yuille è una certezza, così come il suo dinamismo e la sua espressività vocale. La sua voce è jazz ma tinta di soul, gospel e un pizzico di blues. Il suo cuore e la sua anima sono le chiavi durante le sue esibizioni, la sua arguzia veloce, lo stile impertinente e la capacità di toccare il pubblico profondamente, lasciano sempre loro un “sentimento speciale” e qualcosa di memorabile da portare a casa.

amicijazzsansevero@yahoo.it    www.massereriacelentano.com

https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=299917714256769&id=271747587073782&__tn__=K-R