Bollani-Rubalcaba: da Piacenza il decollo mondiale di un nuovo binomio pianistico

di Gian Franco Grilli

387
Bollani-Rubalcaba
Stefano Bollani e Gonzalo Rubalcaba (foto di Gian Franco Grilli)

Crossroads, in collaborazione con il Piacenza Jazz Fest, nella serata di mercoledì 27 marzo  2019 al Teatro Municipale di Piacenza si è regalato un concerto che sarà ricordato (senza far torto ad altri gloriosi appuntamenti) come uno dei più belli e forse il più importante della sua ventennale storia grazie a un piano duo di stratosferico livello e per la prima data mondiale dell’incontro di due fuoriserie degli ottantotto tasti: Gonzalo Rubalcaba e Stefano Bollani.  In quest’ordine sono stati presentati i due protagonisti da Gianni Azzali, che ha introdotto l’evento in collaborazione tra la rassegna jazzistica piacentina e Crossroads, il festival itinerante  a cui sono state rivolte parole di riconoscimento per il prezioso e attento impegno di Sandra Costantini, direttore artistico e motore di questa maratona di 100 giorni con oltre 70 concerti di jazz,  e altro, disseminati su tutto il territorio emiliano romagnolo, toccando gli estremi in lungo e in largo. Infatti da Rimini (il 26 marzo con GFS Trio) la rassegna ha percorso nel giro di poche ore tutta la via Emilia per presentare questi due giganti del pianismo jazz mondiale in prima assoluta mondiale e unica data italiana.

Stefano Bollani (foto di Gian Franco Grilli)
Stefano Bollani (foto di Gian Franco Grilli)

Riassumere in poche l’intensità di questa prima mondiale (con un seguito in Spagna) ci risulta impossibile per i troppi campi toccati da Bollani e Rubalcaba in piano duo e piano solo. Possiamo dire che  entrambi si riconfermano non solo grandissimi virtuosi e maestri della tastiera, ma anche musicisti eccelsi e depositari di un patrimonio inesauribile di sapienza e conoscenze musicali, di creatività, musicalità, dinamicità, ritmicità e freschezza di linguaggio. Il La è toccato alla ventennale dolcissima Joan, composizione dell’enciclopedico pianista sdoganato all’Avana trent’anni fa da Dizzy Gillespie e Charlie Haden e oggi una delle pietre miliari nell’universo del latin jazz. Universo con quale il vulcanico Bollani – dopo un paio di sue composizioni come Siamo tutti figli di qualcunoIl Barbone di Siviglia e Reginella, omaggio dell’artista milanese a Napoli – ha voluto cimentarsi passando dal Brasile (cui è musicalmente legato in modo molto stretto) sollecitando il collega afrocaraibico a dialogare su Samba de uma nota só di Jobim. Invito raccolto magistralmente dal cubano che a stretto giro ha ricambiato bolereadamente, con sentimento, intonando l’immortale Lagrimas Negras del leggendario Miguel Matamoros. Un bolero-son con il quale l’eclettico, estroso e giocoso vocalist-pianista milanese  immaginiamo abbia lottato moltissimo per rinunciare al canto dei sensualissimi versi Aunque tu me ha dejado en el abandono / aunque tu has muerto todas mis ilusiones… Bene, una  volta evitato il bolero-canción (ma ci stava tutto)  e concentrati strumentalmente sul bolero icona della musica e dell’amore in America Latina, il binomio italo-cubano si è calato sulla strada maestra del jazz afroamericano con un sognante Caravan, che ha condensato il primo e riuscitissimo incontro di questi due talenti del mondo delle note. Al termine, il pubblico in delirio, entusiasta, ha richiamato il duetto sul palco per due volte,  e alla terza ci è scappato Blue Bossa, brano cui Rubalcaba tra l’altro ( e ce l’ha confessato in camerino) è particolarmente vincolato dal numero 1963: anno della sua nascita e anche della prima incisione della composizione firmata da Kenny Dorham. Eppoi è calato davvero il sipario piacentino del concerto clou di Crossroads 2019, che continuerà comunque a correre fino a giugno in compagnia di tanti altri prestigiosi jazzisti italiani e internazionali.

Gian Franco Grilli

Stefano Bollani e Gonzalo Rubalcaba (foto di Gian Franco Grilli)
Stefano Bollani e Gonzalo Rubalcaba (foto di Gian Franco Grilli)